ValtellinaToday

Chiavenna e Prata in festa per Don Andrea e Don Lorenzo

Il sindaco Della Bitta: "Con grande gioia e profonda gratitudine l'intera comunità civile di Chiavenna vi accoglie e vi da il benvenuto"

(Foto di Stefano Compagnoni)

Nella giornata di ieri, domenica 29 agosto,la comunità di Chiavenna ha accolto i suoi due nuovi sacerdoti: Don Andrea Caelli e Don Lorenzo Pertusini.

Monsignor Andrea Caelli, ordinato sacerdote nel 1986, è nato a Teglio. È stato docente al Seminario Diocesano di Como dal 1988 al 2010. Dal 1999 è stato anche rettore della scuola comasca. Dal 2012, invece, ha ricoperto l’incarico di parroco a San Nicolò di Valfurva. A lui spetterà il compito di guidare la “Comunità Pastorale”. Così si chiama il nuovo organismo che, di fatto, unisce le parrocchie di Chiavenna, San Lorenzo e San Fedele, e quella di Prata

Don Lorenzo Pertusini, classe 1990, si occuperà degli oratori e sarà a contatto con i giovani, è originario di Nesso (CO) ed è stato ordinato a giugno. 

Parole di benvenuto anche da parte del sindaco della città del Mera Luca Della Bitta. «Carissimi Don Andrea e Don Lorenzo,con grande gioia e profonda gratitudine l'intera comunità civile di Chiavenna vi accoglie e vi da il benvenuto.Perché gioire di fronte all'arrivo di nuovi sacerdoti? Innanzitutto perché, in un momento storico come quello attuale, l'attenzione che il vescovo ha voluto dedicare alla nostra città inviando due nuovi sacerdoti ci rende grati. Ma soprattutto perché significa che potremo continuare a godere della presenza tra noi di uomini che hanno scelto di donare la propria vita per gli altri, rispondendo ad una chiamata. Un segno che la speranza di un mondo più buono, più giusto, di un mondo migliore continua ad essere viva e cammina anche sulle vostre gambe».

«Caro Don Andrea - prosegue - per noi è questo un personale ritrovarsi sul cammino della vita dopo alcuni anni e per l'intera città una pagina tutta nuova da scrivere.Ti attende una sfida impegnativa ed affascinante che ruota attorno ad un valore supremo che so illuminare il tuo cammino di fede: l'unità.
Sei chiamato a guidare una nuova esperienza che, per la prima volta nella storia, chiede alla nostra città di lavorare insieme, di crescere insieme. 
Sono certo saprai ascoltare, comprendere, valutare, accompagnare ciascuno di noi in questo delicato cammino. Una città più unita e capace di condividere é certamente l'obiettivo anche di chi ne ha la responsabilità civile, convinti sia questo il percorso che meglio ne saprà fare emergere i lati migliori e che da questo obiettivo comune ne potrà scaturire una collaborazione quotidiana e costruttiva, pur nel rispetto dei ruoli. Scoprirai che Chiavenna é un tesoro di storia, di cultura, di arte, di musica, di tradizioni e di orgoglio di appartenervi, di generosità che se ben coltivato genera frutti davvero luminosi».

Insieme a te una presenza nel fiore della gioventù, Don Lorenzo. «A te don Lorenzo affidiamo la sfida di accompagnare la crescita dei nostri ragazzi e dei nostri giovani riscoprendo con loro i valori che hanno reso grande la storia della nostra città e gli uomini e le donne che l'hanno vissuta. 
Un giovane tra i nostri giovani che possa mostrare il volto sorridente di chi ti ha chiamato rivelandosi il segreto di una vita felice: quello di essere a servizio degli altri. A te il compito di guidare le attività di oratorio, di catechismo dei ragazzi, dei campi estivi e di ogni iniziativa che coltiva la crescita dei nostri ragazzi».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Palloncino lanciato in Belgio durante i funerali di una diciottenne atterra nel Lecchese

  • Tragedia a Lecco: altra vittima di un incidente sul lavoro. Si teme il gesto volontario

  • Dramma famigliare sfocia in violenza: aggredisce la convivente e tenta il suicidio

  • Tragedia in alta quota: escursionista sessantenne muore sul Resegone

  • Si perdono in dieci nei boschi sopra Maggianico: salvati dai pompieri

  • Un progetto per prolungare la Tangenziale Est fino a sud di Lecco: ben 16 km in galleria

Torna su
LeccoToday è in caricamento