ValtellinaToday

Sondrio, continua la protesta dei carcerati

Dopo lo sciopero della fame, anche una protesta alquanto rumorosa

Una protesta rumorosa. Prima la lettera spedita al Provveditorato regionale dell’amministrazione penitenziaria e al presidente del Tribunale di sorveglianza di Milano in cui annunciavano lo sciopero della fame - al quale 25 dei 38 detenuti hanno aderito - e sabato, l’ultima protesta: stoviglie e posate sbattute contro le sbarre, unite ad urla e schiamazzi.

Oggi dovrebbe giungere in città il provveditore regionale dell’amministrazione penitenziari, come chiedevano i detenuti nella loro lettera, per un confronto con la direttrice e con i carcerati.

Potrebbe interessarti

  • Rimedi naturali contro le scutigere

  • Come pulire le porte interne di casa: trucchi e suggerimenti

  • Ferro da stiro addio: ecco alcuni trucchi per avere abiti perfetti senza stiratura

  • Centrotavola fai da te: idee per ogni occasione

I più letti della settimana

  • Clooney compra casa a Lierna? Il sindaco: «Sarebbe un grande volano»

  • Allagamenti e alberi sradicati: nella notte colpita la zona dell'Olgiatese

  • Barzio, mangiano funghi non commestibili: dodici persone in ospedale

  • Torna sul Lecchese l'incubo del maltempo: scatta l'allerta per temporali forti

  • Giovani aggrediti al parco della droga: uno accoltellato e ferito a colpi di pistola

  • Maltempo, tornano i disagi: Oggionese colpito, divelti svariati alberi. In arrivo altri rovesci

Torna su
LeccoToday è in caricamento