ValtellinaToday

Morbegno, scappa dopo l'incidente: ritrovato ancora ubriaco alla guida

L’uomo, S.E, un operaio 35enne colombiano, residente a Ponte, viaggiava con una patente falsa

Fortunatamente se la caveranno con otto giorni di prognosi gli incolpevoli tre marocchini della Golf che sabato mattina, verso le 9,00, stava percorrendo la SS38, in direzione Morbegno. Gli stranieri, infatti, si sono trovati improvvisamente di fronte una Toyota impazzita che, non solo ha invaso la loro corsia obbligandoli ad una repentina manovra, ma, per giunta, dopo avere provocato l’incidente, si è data alla fuga.

Spettatore della dinamica dei fatti è stato un vigile urbano fuori servizio che, prontamente, è riuscito a comunicare alle Forze dell’Ordine la targa della macchina in fuga.

L’uomo, S.E, un operaio 35enne colombiano, da anni residente a Ponte in Valtellina, ancora alla giuda della sua Toyota, è stato intercettato, dalla Radiomobile di Sondrio, ore dopo a Castione. Il colombiano non è nuovo a questo tipo di eccessi tanto che da tempo gli era stata revocata la patente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quando, allora, i carabinieri, dopo aver chiesto i documenti, si sono visti presentare la patente non hanno potuto fare altro che denunciarlo per uso di atto falso, ricettazione di patente, guida senza patente in quanto revocata, mentre per i fatti della mattina, all’operaio sono stati contestati i reati di fuga a seguito di incidente stradale con danni alle persona, omissione di soccorso alle persone ferite in incidente stradale e, infine, il colombiano è stato anche denunciato per rifiuto degli accertamenti, in quanto ha negato di sottoporsi all’esame con l’etilometro. I carabinieri hanno sequestrato sia la falsa patente di guida sia l’auto, certamente un provvedimento più efficace per reati di questo genere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gessate saluta Elena e Diego, privati della loro vita dalla follia omicida del padre: «Ciao nanetti»

  • Tragedia di Margno, proseguono le indagini: rinvenuti due cellulari. Oggi le autopsie

  • Abbadia: violento scontro all'incrocio tra auto e moto, centauro in ospedale

  • Tragedia di Margno: sabato i funerali dei piccoli Elena e Diego, poi quelli di Mario Bressi

  • Tutti pazzi per le pozze, a Calolzio il sindaco in versione vigile per aiutare a snellire il traffico

  • Modifiche alla viabilità: la panoramica degli interventi in città

Torna su
LeccoToday è in caricamento