ValtellinaToday

I missionari valtellinesi in Camerun stanno bene

Il Vescovo dovrà decidere se farli rientrare

I missionari valtellinesi che si trovano nel nord del Camerun stanno bene e per il momento resteranno in Africa.

Don Corrado Necchi di Dubino, Don Alessandro Alberti originario di Morbegno, Laura Pellizzari volontaria di Cosio e Brunetta Cincera suora laica di Berbenno si trovano a Mogodà nella diocesi di Maroua-Mokolo la stessa dove, venerdì scorso, sono stati rapiti una suora canadese e due sacerdoti vicentini.

I religiosi e i volontari laici valtellinesi sono stati contattati dalla diocesi di Como e hanno riferito di star bene, sono in attesa di capire come si evolverà la situazione che è molto complessa e delicata. Le missioni della zona, da novembre, sono presidiate dall'esercito per garantire una maggiore sicurezza alla popolazione ed ai missionari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Vescovo Coletti, che ieri ha concluso la visita in Valtellina, durante la Messa ha chiesto ai fedeli una preghiera per aiutarlo a prendere la giusta decisione riguardo don Filippo Macchi, che a breve dovrebbe partire per il Camerun, e riguardo il rientro dei missionari presenti a Mogodà. La decisione è difficile perché la presenza dell'esercito a presidio dei villaggi è garantita solo in presenza di volontari stranieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro fra moto a Mandello, conseguenze gravi per tre persone

  • Coronavirus, arriva il bonus vacanze: ecco come funziona

  • Settecento persone per l'ultimo saluto a Chiara al "Rigamonti-Ceppi": «Siete ragazzi speciali, ricordatelo»

  • Aria di lago e montagna: Stefan De Vrij e la compagna Doina a spasso sul Monte Barro

  • Spacca una bottiglia in testa a un esercente per rapinarlo, poi aggredisce i poliziotti: arrestato

  • «Il cerchio si chiude, i pazienti sono rientrati dalla Germania, ma tanti colleghi non riescono a dimenticare»

Torna su
LeccoToday è in caricamento